Questo rapporto esamina i flussi commerciali di risorse materiali e il loro impatto ambientale. Dimostra anche come sia le regole commerciali multilaterali che gli accordi commerciali regionali possono essere utilizzati in modo proattivo per far avanzare l'economia circolare e più verde e ridurre al minimo gli impatti ambientali associati all'estrazione di risorse.

    Il rapporto

      -

      COMMERCIO SOSTENIBILE DI RISORSE: flussi globali di materiali, circolarità e commercio

      Un rapporto sullo sforzo congiunto e collaborativo di Environment and Trade Hub e delle groupe international d'experts sur les ressources dell'UNEP, pubblicato nel 2020.

      Scarica il rapporto completo qui.
      Scarica la scheda qui.
      Scarica l'infografica: Impronte commercialiUtilizzo di materiali globali│ Infografica completa

      Il documento di discussione "Commercio sostenibile delle risorse: flussi globali di materiali, circolarità e commercio" è sviluppato congiuntamente dal Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) Hub per l'ambiente e il commercio della scuola e il Pannello delle risorse internazionali (IRP).

      La pubblicazione aggiorna i risultati dell'IRP sull'impronta commerciale e si basa sul lavoro dell'Unep Environment and Trade Hub per offrire raccomandazioni politiche incentrate sul ruolo del commercio nello spostare la produzione e il consumo da modelli lineari a modelli più circolari. 

      Il commercio è responsabile di quantità molto maggiori di estrazione di materiale rispetto a quanto indicano i flussi di commercio diretto, quando si tiene conto dei materiali aggiuntivi, energia, acqua e terra utilizzati nell'estrazione e nella produzione di beni scambiati ma lasciati come rifiuti ed emissioni nel paese esportatore.

      Nel 2017, il fabbisogno di materiale per il commercio è stato tre volte superiore al commercio diretto, poiché più di 35 miliardi di tonnellate di risorse materiali sono state estratte a livello globale per produrre 11 miliardi di tonnellate di merci scambiate direttamente. Ciò significa che un terzo dei 92 miliardi di tonnellate totali di risorse materiali estratte nell'economia globale in quell'anno erano destinate alla produzione di beni per il commercio.

      Tale analisi da parte delle groupe international d'experts sur les ressources dei materiali incorporati nel commercio rivela che i processi ad alta intensità di risorse si sono spostati da paesi importatori ad alto reddito a paesi esportatori a basso reddito, con un corrispondente spostamento degli oneri ambientali associati. 

      L'estrazione e il trattamento delle risorse per l'esportazione impoveriscono le risorse naturali, aumentando nel contempo i rifiuti, le emissioni, la perdita di biodiversità, il degrado del suolo e l'inquinamento dell'acqua. Sono quindi necessarie politiche appropriate per affrontare gli impatti ambientali negativi del commercio e garantire che il commercio contribuisca a guidare la transizione verso un'economia più equa, più sostenibile e circolare.

      L'analisi delle politiche condotte da Environment and Trade Hub dell'UNEP mostra come sia le regole commerciali multilaterali che gli accordi commerciali regionali possono essere utilizzati in modo proattivo per far avanzare l'economia circolare e ridurre al minimo gli impatti ambientali associati all'estrazione di risorse.

      • Citazione consigliata: UNEP e IRP (2020). Commercio sostenibile di risorse: flussi globali di materiali, circolarità e commercio. Programma ambientale delle Nazioni Unite. Nairobi, Kenya

      Foto di shunya koide su Unsplash

      Lo sapevate?

      Il commercio di risorse materiali - biomasse, combustibili fossili, metalli e minerali - è aumentato di oltre il 90% negli ultimi due decenni.

      Foto di Gunshe Ramchandani su pexels

      Lo sapevate?

      Un terzo di tutte le risorse materiali estratte nel mondo sono legate alla produzione di merci oggetto di scambio. 

      Foto di Dominik Reiter da Pexels

      Lo sapevate?

      Le materie prime utilizzate per estrarre e produrre beni scambiati sono tre volte superiori al volume diretto delle risorse materiali scambiate tra i paesi.

      Altri rapporti