Il ripristino della terra ha un enorme potenziale per aiutare il mondo a limitare il cambiamento climatico e raggiungere i suoi obiettivi di sviluppo sostenibile. Nel suo ultimo studio, le groupe international d'experts sur les ressources rileva spin-off positivi a sostegno di tutti i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile concordati dalle nazioni del mondo come parte dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

    Il rapporto

      Scarica il rapporto completo: EN
      Scarica la scheda informativa: EN  |  AR  |  CH  |  FR  |  RU  |  SP

      Mentre ci avviciniamo all'ultimo decennio prima del raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) nel 2030, è necessario un enorme passo avanti su tutti i fronti se il mondo vuole raggiungere i suoi obiettivi e invertire la crisi climatica e delle specie. Attualmente, circa un quarto della terra del mondo è degradata. Il ripristino e la riabilitazione del suolo rappresentano insieme una delle tre strategie principali per raggiungere l'OSS 15 (Life on Land), e in particolare per raggiungere l'obiettivo di neutralità del degrado del suolo nell'ambito di tale obiettivo (15.3). Questo pezzo di riflessione delle groupe international d'experts sur les ressources evidenzia che sia il processo di ripristino e riabilitazione del territorio, sia il terreno ripristinato, hanno un enorme potenziale per aiutare il mondo a limitare i cambiamenti climatici e raggiungere i suoi obiettivi di sviluppo sostenibile. Il think piece fornisce diverse riflessioni a responsabili politici, accademici e professionisti per lo sviluppo di strategie per massimizzare i co-benefici del ripristino e della riabilitazione della terra per la vita sulla terra, evidenziando i rischi, i compromessi ei costi del ripristino e della riabilitazione del terreno per il raggiungimento dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e dei relativi obiettivi. Si raccomanda vivamente un'analisi sistemica, prima di effettuare investimenti, per evitare conseguenze indesiderate. Il pezzo di riflessione fornisce una strategia chiara per massimizzare le opportunità trasversali per il ripristino o la riabilitazione del terreno attraverso più SDG. Le osservazioni e le conclusioni fornite dai 37 autori, sebbene non esaustive, forniscono speranza e aspirazioni per gli investimenti nel restauro e nella riabilitazione del territorio in tutto il mondo.

      * IRP (2019). Ripristino della terra per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile: un elemento di riflessione del pannello delle risorse internazionali. Herrick, JE, Abrahamse, T., Abhilash, PC, Ali, SH, Alvarez-Torres, P., Barau, AS, Branquinho, C., Chhatre, A., Chotte, JL, Cowie, AL, Davis, KF, Edrisi, SA, Fennessy, MS, Fletcher, S., Flores-Díaz, AC, Franco, IB, Ganguli, AC, Ifejika Speranza, C., Kamar, MJ, Kaudia, AA, Kimiti, DW, Luz, AC, Matos , P., Metternicht, G., Neff, J., Nunes, A., Olaniyi, AO, Pinho, P., Primmer, E., Quandt, A., Sarkar, P., Scherr, SJ, Singh, A ., Sudoi, V., von Maltitz, GP, Wertz, L., Zeleke, G. Un pezzo di riflessione delle groupe international d'experts sur les ressources. Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente, Nairobi, Kenya

      Cos'è un think piece IRP?

      Un think piece IRP è un documento tecnico o politico basato su studi e valutazioni scientifiche IRP e altra letteratura pertinente. Non è uno studio completo e una valutazione, ma una raccolta di riflessioni su base scientifica, che possono catalizzare la generazione di nuove conoscenze scientifiche ed evidenziare argomenti critici da considerare nel discorso politico.

      Video

      Lo sapevate?

      Il ripristino di 350 milioni di ettari di paesaggi degradati entro il 2030 potrebbe generare 9 trilioni di dollari in servizi ecosistemici e togliere dall'atmosfera 13-26 gigatonnellate di gas serra.

      landscape-2-1567013-1279x1923_simona_balint_freeimages.jpg

      Lo sapevate?

      Circa il 25% della terra del mondo è degradata.

      land_evaluation_report.jpg

      Lo sapevate?

      Dobbiamo ripristinare 350 milioni di ettari di paesaggi degradati entro il 2030 per raggiungere gli obiettivi globali.

      Altri rapporti